Chiara Emanuelli

Adolescente difficile, indecisa e curiosa, con un percorso di studi in Lingue e Letterature Straniere solo per avere la scusa di viaggiare ed appassionata di Letteratura con la maiuscola, entro quasi per caso nel mondo della scuola come docente

Dopo alcune esperienze di precariato in vari istituti, scopro che la Formazione Professionale è l’ambito in cui trovo le maggiori soddisfazioni, soprattutto nei piccoli successi “sociali” di ogni giorno.  Dal 2003 lavoro con impegno e determinazione in un Centro di Formazione a contatto con il settore elettrico, meccanico, termoidraulico e terziario: nel contempo conseguo nel 2005 l’abilitazione all’insegnamento per la Secondaria di Primo e Secondo Grado e dopo qualche anno di pausa, nonostante vari corsi di Perfezionamento sulla didattica e sull’orientamento… l’irrequietezza torna, forse in concomitanza con il passaggio agli “anta” ed il chiaro sentore che la sola docenza non sia abbastanza.  Quindi quasi per caso m'iscrivo alla Laurea Magistrale in Gestione delle Organizzazioni da non frequentante e nel 2014 scopro la previsione sociale. Un’illuminazione: da quel momento la tesi era già scelta, un laboratorio di futuro sulle aspirazioni professionali di alcuni allievi in uscita dal percorso di qualifica.  Nel contempo divento membro di una associazione Lego riconosciuta dalla casa produttrice dei famosi mattoncini e mi dedico all’organizzazione e partecipazione ad eventi in varie zone del Bel Paese e pure in Germania: non si tratta di mero “gioco” , bensì di un hobby di modellismo dove le creazioni individuali rendono felici grandi e piccini, arrivando pure ai Bisogni Educativi Speciali, con i laboratori tenuti a Trento per bambini DSA.  Alla fine del percorso di studi si avvia un’intensa collaborazione con il Prof. Poli e la conoscenza con i professionisti-amici di -skopìa diviene il motore di una riflessione individuale profonda, sia come docente che come persona: il Master di II Livello in previsione sociale corona la formazione a singhiozzo della Laurea, portando l’anticipazione nella quotidianità.  Anche grazie alla tradizione di famiglia che mio marito ha portato con sé, ho scoperto la passione per la coltivazione dei piccoli frutti nei mesi estivi. Insomma, in un modo o nell’altro cerco di coltivare il futuro.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.