Il Futuro del Lavoro: Impatti dell'Intelligenza Artificiale

Il Futuro del Lavoro: Impatti dell’Automazione e dell’Intelligenza Artificiale

Quale sarà il futuro del lavoro? E quale impatto avranno l’automazione e l’intelligenza artificiale sul modo in cui lavoriamo attualmente? L’Anticipazione e gli Studi di Futuro possono offrire una guida per orientarsi in un settore in rapida evoluzione 

Quale sarà il futuro del lavoro? 

Si tratta di un interrogativo che, con l’avvento di sempre nuove tecnologie, dalla digitalizzazione all’intelligenza artificiale, sta diventando sempre più pressante.

Il lavoro rappresenta una parte fondamentale delle nostre vite, su di esso si regge buona parte della nostra società moderna: la possibilità che nel futuro prossimo il modo in cui lavoriamo vada incontro a dei cambiamenti significativi può spaventare molti, sia lavoratori che organizzazioni. Entrambi dovranno fronteggiare efficacemente gli stravolgimenti che ci aspettano, provando ad uscirne più pronti, cambiati. 

Come fare? Proviamo a riflettere insieme su questo tema più che mai attuale. 

Quale futuro per il mondo del lavoro?

La trasformazione profonda che il mercato del lavoro sta attraversando è sotto gli occhi di tutti: si tratta di una delle rivoluzioni più importanti del secolo, plasmata e accelerata dall’impatto delle tecnologie esponenziali a partire dal grande balzo in avanti che sta compiendo l’intelligenza artificiale. Queste innovazioni sono senza dubbio il fulcro del dibattito sul futuro dell’occupazione, considerando gli impatti significativi che avranno sulla vita professionale di milioni di persone.

L’automazione dei processi e l’intelligenza artificiale promettono efficienza e produttività, ma sollevano anche interrogativi cruciali.

Che fine farà il lavoro così come lo concepiamo adesso?

A quali trasformazioni bisogna prepararsi?

Secondo un’indagine di IPSOS per Kelly Italia, il 53% degli italiani è preoccupato per un possibile impatto negativo dell’IA sugli stipendi: la possibilità di automatizzare numerosi processi, anche i più complessi, renderà il lavoro dell’essere umano più snello, circostanza che potrebbe tradursi, a parità di mansioni, in una diminuzione della paga oraria o mensile. 

Chi la vede con più ottimismo (61%) ritiene che l’IA contribuirà a creare nuove professioni (63%) e che renderà alcune mansioni ora rischiose sempre più sicure.

Intelligenza artificiale e automazione: sfide e opportunità

Tra le sfide che la trasformazione del mondo del lavoro porterà con sé c’è sicuramente quella relativa al lavoro da remoto: una transizione accelerata e in parte già affrontata con la pandemia, che ha dimostrato, rompendo forse un tabù, come per i lavoratori di numerosi settori sia non solo possibile, ma anche più produttivo, svolgere le proprie mansioni da un luogo che non sia l’ufficio. 

Il lavoro da remoto ha aperto così la strada a modelli di lavoro innovativi, ridefinendo il tradizionale concetto di ufficio come un luogo di passaggio non obbligato. 

Un’altra grande sfida di questa rivoluzione sarà rappresentata dall’apprendimento permanente, che diventerà sempre più essenziale. La formazione, per i lavoratori della nuova era, che siano in ufficio o da remoto, dovrà essere continua e costante, ma soprattutto di qualità. 

Lo crede il 73% degli intervistati nell’indagine IPSOS, secondo cui offrire formazione continua ai dipendenti, evidenziando la consapevolezza dell’importanza dell’aggiornamento costante delle competenze, sarà un fattore cruciale che potrebbe anche fare la differenza tra il successo e il fallimento di un’azienda. 

Ma l’automazione e l’IA saranno fonte anche di grandi opportunità, che bisognerà saper cogliere al volo: nuove professioni specializzate nella gestione dell’IA nasceranno, offrendo anche terreno fertile per la crescita professionale. 

La tecnologia inoltre servirà a liberare tempo per attività complesse, migliorando l’efficienza e la produttività dei lavoratori e, perché no, la loro soddisfazione professionale, favorendo il tanto agognato work-life balance

Il ruolo dell’Anticipazione e degli Studi di Futuro

In questo scenario cangiante e ancora scarsamente definito, dove tutto può ancora accadere, l’Anticipazione e gli Studi di Futuro avranno un ruolo cruciale nel definire scenari e traiettorie di intervento, soprattutto per le organizzazioni che non vogliono farsi trovare impreparate dalla grande trasformazione che ci aspetta. 

Abbracciare le opportunità offerte da automazione e IA è indispensabile, così come lo è tutelare al contempo la propria struttura organizzativa. Flessibilità sarà indubbiamente una parola chiave per affrontare il cambiamento. L’Anticipazione e gli Studi di Futuro saranno strumenti indispensabili per comprendere e prepararsi alle imminenti trasformazioni del mondo del lavoro.

Torneremo ancora sull’argomento nel nostro blog con nuovi articoli dei nostri autori per contribuire a diffondere una nuova consapevolezza di questi cambiamenti.

-skopìa da sempre aiuta le organizzazioni di ogni settore e dimensione ad approcciare ai futuri con consapevolezza e ottimismo, attraverso percorsi di formazione e consulenza personalizzati sulla base delle esigenze individuali. 

Utilizzando metodi ed esercizi di futuro basati su solide teorie scientifiche, il nostro team sarà in grado di aiutare i membri della tua organizzazione, dai manager ai dipendenti, a immaginare futuri possibili e a creare strategie anticipanti in grado di rispondere efficacemente ai diversi scenari che potrebbero presentarsi. 

Contattaci per una prima consulenza:
https://www.skopia-anticipation.it/previsione-strategica-per-le-pa/ 

Team Skopia
Team Skopia